Altri articoli

I sinistri occorsi uscendo dal parcheggio

parkDiverse sono le fonti normative che regolano il grado di responsabilità da attribuire ai conducenti di autoveicoli in caso di sinistri stradali: talune di esse, in ragione del fatto che molto spesso non vi è accordo tra i protagonisti di un incidente circa la dinamica e le responsabilità dello stesso, fissano rigidamente dei casi di presunzione della colpa.

Ad esempio, nel caso concreto di un’autovettura che, durante una manovra di uscita dal posteggio in retromarcia, collida con un altro veicolo a motociclo sarà alquanto complesso, per il conducente che usciva dal posteggio, dimostrare la responsabilità, anche parziale, dell’altrui veicolo nella causazione del sinistro.

In tal senso, si confronti, per esempio, l’allegato “A” del DPR 18/07/2006 n. 254 – Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell’articolo 150 del decreto legislativo 7 Settembre 2005 n. 209 –  il quale, essendo  finalizzato proprio a determinare il grado di responsabilità da attribuire ai veicoli in caso di sinistri stradali secondo la dinamica dei loro accadimenti, si esprime come segue: “Se uno dei due veicoli si rimette nel flusso della circolazione da una posizione di sosta o uscendo da un’area privata e urta un veicolo in circolazione è responsabile al 100% del sinistro”.

Sempre nello stesso testo normativo, correlato altresì da tavole grafiche molto esplicative delle diverse dinamiche cui si riferisce, ritroviamo la seguente disposizione “Se uno dei due veicoli circola in retromarcia è responsabile del sinistro”.

Queste disposizioni, unite a quelle del codice della strada relative alla medesima fattispecie concreta, ci portano a considerare come estremamente difficile la possibilità di evitare l’attribuzione della responsabilità totale di un sinistro accaduto nelle modalità descritte in capo al conducente del veicolo che usciva in retromarcia dal posteggio.

La posizione di colui che esce dal posteggio sarebbe difendibile in giudizio solo in caso di plurime ed univoche  risultanze probatorie che attribuiscano la responsabilità degli accadimenti al veicolo che sopraggiungeva.