Articoli recenti

Google risolve i suoi guai legali

Venerdì, la società madre di Google Alphabet Inc. ha risolto le cause legali degli azionisti derivanti dalla gestione da parte del gigante della ricerca di accuse di cattiva condotta sessuale contro ex alti dirigenti, promettendo cambiamenti nel modo in cui il suo consiglio di amministrazione gestisce i casi di molestie future e promettendo di spendere $ 310 milioni durante il prossimo decennio in programmi per la diversità.

Le cause degli azionisti, che sono state consolidate, hanno fatto seguito a un articolo del New York Times che ha dettagliato raccontato di come la società ha protetto i dirigenti accusati e facilitato le loro dimissioni dalla società senza rivelare le accuse. Un dirigente che se n’è andato è stato il creatore di Android Andy Rubin, che secondo quanto riferito ha ricevuto un pagamento di 90 milioni di dollari. Rubin avrebbe costretto un dipendente di Google a compiere atti sessuali ed è stato anche accusato di traffico sessuale, accuse che ha negato. L’articolo ha suscitato altre segnalazioni e alla fine ha portato a una protesta e allo sciopero di migliaia di dipendenti di Google in tutto il mondo nel novembre 2018.

Il gigante della tecnologia della Silicon Valley ha inoltre accettato di limitare le restrizioni di riservatezza quando si risolvono le richieste di molestie e di rinunciare all’arbitrato obbligatorio per le richieste di molestie, discriminazione e ritorsione in tutte le società di Alphabet, un’espansione di una mossa annunciata lo scorso anno, che era applicata solo a Google. Inoltre, l’accordo vieta alla società di pagare un licenziamento e di accelerare l’assegnazione di azioni non investite per i dipendenti “che sono oggetto di un’indagine o sono stati licenziati per molestie sessuali, cattiva condotta o ritorsione”.

“Questo accordo è storico perché è così ampio”, ha detto venerdì a MarketWatch Ann Ravel, un avvocato che ha guidato parti dei negoziati di risoluzione. “È l’accordo più lungimirante e completo di questo tipo in casi come questo.”

Ma End Forced Arbitration, un gruppo scorporato da Google Walkout, sabato ha twittato di “non essere impressionato” perché la società non ha esteso l’arbitrato facoltativo a casi non correlati a molestie, discriminazioni o ritorsioni a livello di Alphabet. Inoltre, il gruppo ha affermato che la società ha mantenuto il divieto di class action per i dipendenti delle società Alphabet oltre a Google.

“È ironico perché la causa degli azionisti dimostra che l’azione collettiva può guidare il cambiamento, eppure quel tipo di azione collettiva rimane vietata da Alphabet per i dipendenti delle sue altre scommesse”, ha detto Tanuja Gupta, ingegnere responsabile del programma per la ricerca Google e leader gruppo, in un’e-mail a MarketWatch.

Ravel ha detto che l’accordo, che includeva l’impegno di 310 milioni di dollari che la sua azienda, Renne Public Law Group, ha dichiarato essere il più grande del suo genere da un’azienda tecnologica, “può cambiare l’intera cultura di Google sia nell’assumere che nel raggiungere le comunità di minoranza. ” Il denaro deve essere speso in iniziative tra cui “assunzione, promozione e conservazione di talenti storicamente sottorappresentati in Alphabet”, secondo l’accordo presentato venerdì alla Corte Superiore della California nella contea di Santa Clara.

Come parte dell’accordo, la società sta istituendo un nuovo consiglio consultivo per la diversità, l’equità e l’inclusione per supervisionare gli sforzi promessi dalla società per almeno cinque anni. Eileen Naughton, vice president of people operations di Google, ha dichiarato venerdì in un post sul blog che il consiglio sarà composto dall’amministratore delegato di Alphabet Sundar Pichai e da tre leader dell’azienda, più tre consulenti esterni: un giudice in pensione e due avvocati del lavoro.

fonte market watch

Read previous post:
Settimana calda per la brexit

Le ultime notizie sulla Brexit sono tornate sotto i riflettori del mondo intero: si attende una settimana bollente tra unione...

Close