Altri articoli

Zone franche urbane (Zfu)

zone francheAl via le c.d. Zfu (Zone franche urbane), istituite dalla finanziaria del 2007 (l.296/2006), le quali prevedono, in presenza di determinati requisiti, agevolazioni fiscali e contributive a favore delle micro e piccole imprese localizzate in territori, individuati dal CIPE, dove vi è presente degrado sociale e urbano.

I destinatari di queste agevolazioni sono:

Microimprese, le quali si intendono le imprese che hanno meno di 10 occupati e un fatturato annuo (o un bilancio) inferiore a 2 milioni di euro;

Piccole imprese, le quali si intendono le imprese che hanno meno di 50 occupati e un fatturato annuo (o un bilancio) inferiore a 10 milioni di euro;

Oltre a questi requisiti di natura soggettiva, per poter beneficare delle agevolazioni le imprese devono possedere altri requisiti:

-devono essere già costituite alla data di presentazione dell’istanza e regolarmente iscritte al Registro delle imprese;

-la loro attività deve essere svolta all’interno delle Zfu;

-non si trovino in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali;

-si trovino nel pieno e libero esercizio dei propri diritti;

Nel caso in cui le imprese svolgano attività non sedentaria è necessario che presso il locale sito all’interno delle Zfu sia impiegato almeno un lavoratore dipendente (t.pieno o p.time) che svolta l’attività lavorativa o che l’impresa realizzi almeno il 25% del proprio volume d’affari da lavori effettuati all’interno delle Zfu.

Nel caso in cui le imprese presentino i requisiti sopra esposti, possono godere di particolari agevolazioni.
In sintesi:

Esenzione dalle imposte sui redditi: per quel reddito derivante dallo svolgimento dell’attività svolta all’interno della Zfu fino a un massimo di 100.000 euro per ciascun periodo di imposta. I primi 5 anni l’esenzione è del 100%, per poi diminuire gradualmente sino al 20% per il tredicesimo e quattordicesimo periodo di imposta;

Esenzione dall’imposta regionale sulle attività produttive (Irap): questa vale per i primi 5 periodi di imposta entro il limite di 300.000 euro

Esenzione dell’imposta municipale propria: per quei locali d’impresa posseduti ed utilizzati ai fini dell’esercizio dell’attività siti all’interno della Zfu. L’esenzione è per 4 anni

Esonero dal versamento dei contributi: viene riconosciuto sulle retribuzioni derivanti da rapporti di lavoro a tempo indeterminato o a tempo determinato non inferiori a 12 mesi, nel limite massimale di retribuzione fissato dalla legge. Per poter usufruire di questa esenzione è indispensabile che almeno il 30% degli occupati risieda nel territorio della Zfu. L’esenzione è totale per i primi 5 anni, e va diminuendo sino ad arrivare al 20% per l’anno tredicesimo e quattordicesimo.

Ricordiamo che le agevolazioni sono concesse sempre considerando la regole ed i limiti indicati dal Trattato sugli aiuti di importanza minore (de minimis).

Le aziende, per poter usufruire delle agevolazioni sopra indicate devono presentare istanza per via telematica, attraverso i canali predisposti dal Ministero dello sviluppo economico, da presentare dalle ore 12.00 del 5 Marzo 2014 sino alle ore 12.00 del 23 Maggio 2014

 

Leggi articolo precedente:
Agevolazioni assunzioni lavoratori in Aspi e recupero contributo addizionale

Trattiamo, in maniera sintetica, l'agevolazione legata all'assunzione di lavoratori che usufruiscono dell'Aspi e il recupero del contributo addizionale nel caso...

Chiudi