Altri articoli

Nuove modalità per fruire del congedo parentale

congedi parentaliModifiche introdotte dal Jobs Act (d.lgs. 80/2015) sui congedi parentali.
Il congedo parentale è il diritto che consente la presenza di almeno un genitore  accanto al piccolo nei primi anni della sua vita
Il periodo di fruizione viene esteso sino al dodicesimo anno d’età del bambino.

La disciplina viene precisata  dall’Inps nella circ. 139/2015.

Per quanto riguarda l’aspetto economico del congedo:

► Il periodo di congedo verrà computato come contribuzione figurativa, mentre l’indennità economia spetterà solo nei primi  otto anni del bambino.

► il congedo indennizzato (30% della retribuzione) spetta per il periodo, complessivamente 6 mesi tra i genitori, che va sino ai sei anni di vita del bambino ( in precedenza tre), ovvero nel caso di adozione o affidamento i primi sei anni  che si computano dall’ingresso in famiglia

► Per i periodi oltre i 6 mesi, o fruiti tra i sei anni e otto del bambino (o dal suo ingresso in famiglia), il congedo è condizionato dal reddito individuale del genitore che lo richiede: deve essere inferiore a 2,5 volte il minimo di pensione ( nel 2015 è 6.531,07)

► il congedo usufruito tra gli otto e i dodici anni di vita del bambino (o dal suo ingresso) non viene mai indennizzato.
Inoltre a partire dal 14 settembre le domande per poter usufruire del periodo del congedo parentale, come novellato dal Jobs act, saranno trasmesse esclusivamente  per via telematica.
Secondo il messaggio dell’Inps 5626/2015 cessa il regime precedente del cartaceo che viene sostituto dalla nuovo sistema telematico.
Altra novità riguarda la possibilità di fruire del congedo anche su base oraria anziché giornaliera.

Nel caso in cui la contrattazione collettiva non preveda la fruizione oraria questa è consentita ugualmente ma solo per la metà dell’orario giornaliero ( es. giornata di 6 ore lavorative – 3 di congedo).
L’inps consente di presentare la richiesta di congedo  per la durata massima di un mese (per periodi più lunghi occorre ripresentare la domanda).

Leggi articolo precedente:
Modifiche alla cassa integrazione a seguito del Jobs Act

In vigore la nuova cassa integrazione alla luce delle recenti modifiche introdotte dal d.lgs. 148/2015. Il Jobs Act incide sull'istituto...

Chiudi