Altri articoli

Cambia la disciplina dei controlli a distanza in azienda

controlli-a-distanzaIl d.lgs 151/2015 modifica la disciplina riguardante i controlli a distanza effettuati sui lavoratori.

Viene meno il divieto assoluto di utilizzare impianti audiovisivi in azienda per il controllo a distanza.

L’utilizzo dei controlli in azienda adesso viene consentito nel caso di esigenze organizzative o produttive, sicurezza del lavoro e tutela del patrimonio aziendale. Rimane fermo il divieto assoluto dei controlli quando questi sono diretti esclusivamente al controllo dei lavoratori (c.d. controlli diretti).

L’art 4 della l.300/70 novellato dal legislatore non prevede più l’accordo sindacale preventivo, ma semplicemente un regolamento aziendale reso pubblico per i dipendenti, dove si spiegano le procedure di controllo attraverso i vari strumenti  presenti in azienda (telecamere,computer, cellulari).
Rimangono ferme le norme a tutela del codice della privacy.

Quindi l’utilizzo dei strumenti di controllo da parte del datore di lavoro potrà essere fatto solo rispettando una serie di condizioni, tra le quali portare a conoscenza dei dipendenti le procedure di controllo, i controlli dovranno essere preceduti da un’informativa, il datore dovrà informare come avverranno i controlli e quando saranno effettuati.
Stessa cosa vale per il controllo della posta elettronica, la quale  potrà essere verrà visionata  con la presenza di un rappresentante del lavoratore.

Leggi articolo precedente:
Nuove modalità per fruire del congedo parentale

Modifiche alla disciplina del congedo parentale. Secondo le novità introdotte dal d.lgs. 80/2015 viene esteso il periodo di fruizione, la...

Chiudi